Nuovo Piano casa Veneto: maggior cubatura per case di qualità

La nuova versione del Piano Casa Veneto prevede un aumento fino al 45% della cubatura di un immobile residenziale da ristrutturare: il 20% già previsto in passato + un 10% dato per l'impiego di fonti rinnovabili + un 15% se la riqualificazione energetica riguarda l'intero edificio e lo porta almeno alla classe B.
Almeno teoricamente, considerando anche il 20% di cubatura in deroga al Piano Regolatore dei Comuni (anche attraverso demolizione e ricostruzione) l'ampliamento possibile potrebbe addiritttura essere pari al 65%.

Non solo quindi la proroga della norma al 2013 ma nuovi ambiti di applicazione.
Gli ampliamenti devono quindi rispettare principi di miglioramento dell'efficienza energetica dell'edificio e di qualità globale dell'intervento di ristrutturazione e possono interessare anche i sottotetti
esistenti al 31 maggio 2011.
Il Nuovo Piano Casa prevede anche la possibilità di intervenire nei centri storici, limitatamente ai casi in cui l’edificio interessato sia già riconosciuto dallo strumento urbanistico privo di grado di protezione, ovvero con possibilità di interventi che consentano la demolizione e ricostruzione, la ristrutturazione edilizia o urbanistica; la possibilità di modificare la destinazione d’uso degli edifici; l’inclusione dei sistemi di captazione dell’energia solare, quali le serre bioclimatiche, tra gli impianti che non contribuiscono a formare cubatura, accanto alle pensiline e tettoie finalizzate all’installazione di impianti solari e fotovoltaici; oltre al chiarimento sul concetto di “prima casa di abitazione”.

Sarà in edicola da venerdì 23 settembre 2011 il libro ”Il secondo Piano Casa del Veneto”.

Se vuoi avere maggiori informazioni sul Nuovo Piano Casa e capire come sfruttare l'aumento di cubatura, contattaci:

  • email: info@effettonido.it
  • skype: effettonido.it
  • tel: 045 942659

Condividi su Facebook