La certificazione energetica - dalla Legge 10 del 1991 al DPR 59 del 2009

I criteri e i requisiti della prestazione energetica per la progettazione degli edifici e per la progettazione ed installazione degli impianti sono stabiliti dalla Legge 10 del 1991 intitolata “Norme per l'attuazione del Piano energetico nazionale in materia di uso nazionale dell'energia, di risparmio energetico e di sviluppo delle fonti rinnovabili di energia” e dal sucessivo decreto attuativo DPR 412 del 1993.

La Legge 10, che ha introdotto la suddivisione dell’Italia in aree climatiche che specificano i giorni di utilizzo dell’impianto per il riscaldamento, valutava il solo consumo energetico invernale di un edificio considerando:

  • i parametri climatici di ubicazione dell’immobile,
  • la tipologia dell’edificio, se per esempio è un edificio isolato o adiacente ad altri,
  • la tipologia del suo involucro, ovverosia se serramenti, pareti e copertura disperdono o meno energia,
  • le caratteristiche tecniche degli impianti di riscaldamento,
  • l’uso di fonti rinnovabili di energia.

Dopo la Direttiva Europea 2002/91/CE è stato emanato il D.lgs. 192 del 2005 che ha abrogato alcuni degli articoli della Legge 10.

Il D.lgs 192 del 2005, integrato ampiamente dal D.lgs. 311 del 2006, contribuisce a raggiungere gli obiettivi di Kyoto sulla riduzione di emissione di CO2, indicando i limiti di consumo energetico degli edifici e favorendo l’utilizzo di fonti di energia rinnovabile.
Si introduce l’obbligo di certificare il rendimento energetico annuo dell’edificio attraverso l’Attestato di Certificazione Energetica che indica la classe energetica dell’edificio con una lettera che va da A a G.
I procedimenti di calcolo e verifica per la Certificazione energetica vengono svolti con i criteri di analisi dell’edificio dettati dalla Legge 10 ma vengono introdotti negli anni limiti di prestazione energetica sempre maggiori.

La certificazione energetica è obbligatoria per edifici di nuova costruzione, interventi di ristrutturazione parziali e integrali, ampliamenti di volume, ristrutturazioni di impianti e sostituzione di generatori e per accedere alle agevolazioni fiscali.
L’attestato di certificazione energetica è obbligatorio per le operazioni di vendita e di affitto degli immobili.

Nel 2009 è entrato in vigore il DPR 59 del 2009 che indica le linee guida di attuazione del D.lgs. 192 del 2005.
Il DPR 59 del 2009 definisce i requisiti minimi di edifici e impianti relativamente alla climatizzazione invernale, agli impianti per l’acqua calda ad uso sanitario e alla climatizzazione estiva.
Vengono introdotti nuovi limiti di legge per quanto riguarda la trasmittanza termica dell’involucro dell’edificio e il consumo energetico per il raffrescamento.

Il progettista dovrà inserire i calcoli e le verifiche nella relazione da depositare in comune per attestare la rispondenza alle prescrizioni per il contenimento del consumo di energia degli edifici e relativi impianti termici ai sensi dell'art. 28 della L. 10 del 1991 e con la compilazione dell’Allegato E del D.lgs. 311 del 2006.
Nell’analisi della prestazione energetica dell’edificio vengono considerati i seguenti dati:

  • le trasmittanze termiche delle pareti opache verticali e orizzontali, delle chiusure trasparenti e delle vetrate;
  • lo scambio termico per trasmissione tra l'ambiente climatizzato e l'ambiente esterno;
  • lo scambio termico per ventilazione (naturale e meccanica);
  • gli apporti termici interni;
  • gli apporti termici solari;
  • l'eventuale controllo dell'umidità negli ambienti climatizzati;
  • le modalità di emissione e di distribuzione del calore negli impianti termici e le corrispondenti perdite di energia;
  • le modalità di accumulo del calore negli impianti termici e le corrispondenti perdite di energia;
  • le modalità di generazione del calore e le corrispondenti perdite di energia;
  • l'effetto di eventuali sistemi impiantistici per l'utilizzo di fonti rinnovabili di energia.

Per maggiori approfondimenti consultare il sito dell'Enea: http://efficienzaenergetica.acs.enea.it/

Condividi su Facebook