Energia pulita senza costi aggiuntivi

La “tabella di marcia” pubblicata ieri dalla Commissione Europea soddisfa Greenpeace e chiunque sia sensibile al risparmio energetico e adotti comportamenti sostenibili, fissando la quota di energia da fonti rinnovabili tra il 55% e il 75% al 2050 e fino al 97% dei consumi di elettricità.
Lo studio realizzato dimostra come un sistema basato largamente su fonti rinnovabili ed efficienza energetica costerebbe ai contribuenti non più di un sistema fondato sulla dipendenza dalle fonti fossili e dal nucleare.

Energia pulita e gestione intelligente delle risorse vanno assolutamente d'accordo con le esigenze di consumo di una moderna società e al contempo con il rispetto per l'ambiente.
Quindi...si tratta solo di cambiare mentalità ed investire nella giusta direzione.

Condividi su Facebook